fbpx

La strada divenne famosa negli anni Cinquanta e Sessanta quando nel film Vacanze Romane la splendida Audrey Hepburn visse in una elegante soffitta di uno splendido palazzo situato proprio in via Margutta. Dopo l’uscita della pellicola, presero casa in questa strada anche importanti personaggi del cinema. Tra questi ricordiamo il noto regista Federico Fellini con la moglie Giulietta Masina. E proprio in questa via c’è una targa che ricorda la celebre coppia. Nonostante siano passati tanti anni da quella che veniva cinematograficamente definita l’epoca della dolce vita, ancora oggi passeggiando in questa zona si respira un’aria particolare: un mix di spettacolo, arte e cultura. Se non siete mai stati in via Margutta, un viaggio a Roma può essere l’occasione giusta per farlo.

 

Casa Fellini e molto altro ancora

Oltre alla casa di Fellini, in via Margutta ci sono anche altri luoghi d’interesse che vale davvero la pena visitare. La celebre strada non si è fatta mancare proprio nulla: artisti, scrittori, musicisti e molti altri personaggi importanti della cultura e dello spettacolo. Per questo motivo via Margutta può essere tranquillamente definita un museo a cielo aperto. Nei palazzi di questa strada hanno soggiornato artisti del calibro di Picasso, Maccari, Guttuso, Fazzini, Gentilini, Montanarini, Mastroianni, Severini, Mafai e Burri. In via Margutta c’è la sede dell’Associazione artistica internazionale, dove nell’Ottocento venivano organizzati gli eventi mondani più prestigiosi. Da questa celebre strada della capitale hanno inoltre fatto tappa anche Giacomo Puccini, Richard Wagner, Franz Liszt, Jean Paul Sartre, Emile Zola, Elsa Morante, Simone de Beauvoir, Sibilla Aleramo, Gabriele d’Annunzio e Alberto Moravia. Via Margutta è quindi uno dei simboli non solo della parte mondana di Roma, ma anche dell’arte e della cultura.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Instagram, aggiungerci su FacebookTwitter. Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti i nostri riassunti settimanali!

Credits to Zestrip

Write A Comment