fbpx

Riaprono al pubblico il quarto e quinto livello del Colosseo dopo una chiusura durata più di quarant’anni. Il nuovo itinerario di visita potrà essere effettuato a partire dal primo novembre prossimo. Si tratta, ha spiegato il ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, di “una giornata importante che valorizza un pezzo del Colosseo, i piani più alti a 40 metri di altezza dall’arena che non erano visitabili da 40 anni. Si restituisce alla fruizione, seppure a gruppi prenotati per la difficoltà di accesso e per le condizioni di sicurezza, un altro pezzo importante del Colosseo”. Un nuovo percorso per scoprire il Colosseo e goderne la vista unica sulla città a circa 50 metri di altezza.

 

La visita all’Anfiteatro Flavio si arricchisce di ben due livelli (il IV e il V) con l’”arrampicata” fino all’Attico il “loggione” dove un tempo sedevano —su gradinate lignee senza posti numerati— i più poveri, i plebei dell’Antica Roma che assistevano ai combattimenti dei gladiatori sotto un colonnato che riparava da sole e pioggia. Al piano sottostante, invece, sedevano i piccoli commercianti: persone che non avevano onorificenze o cariche pubbliche, ma che potevano godere di un posto assegnato sugli spalti di travertino. Il nuovo percorso di visita è stato inaugurato martedì mattina dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini.

Il restauro

l nuovo percorso completa, finalmente, la visita al Colosseo dopo l’apertura dei sotterranei – ambienti macabri e spartane celle dove i gladiatori svolgevano gli ultimi preparativi prima dei combattimenti nell’arena – e la salita dalla terrazza degli imperatori nel II livello. Ed è proprio da questo anello a trenta metri di altezza che inizia il nuovo tour con l’attraversamento dell’unica galleria conservata come in origine: uno spazio con copertura a volta destinato allo smistamento del pubblico.

Situata in uno spazio intermedio tra il II e il III livello, la galleria – mai aperta al pubblico prima d’ora – presenta un ulteriore unicum: intonaci bianchi con segni di corone, riportati alla luce da un capillare restauro. La nuova visita all’Anfiteatro recentemente restaurato- grazie ai 25milioni stanziati dalla Tod’s di Diego Della Valle – richiamerà ancor più l’attenzione del globo. Il monumento inserito tra le nuove sette meraviglie del mondo ha già un numero ragguardevole di visitatori, 6,4 milioni nel 2016 (al pari del British Museum di Londra), quasi il doppio degli Scavi di Pompei (3,3 milioni) e tre volte quelli degli Uffizi (2 milioni).

 

Il percorso riaprire il 1 Novembre 2017! Ci andrete?

2 Comments

Write A Comment